BrandMemo | manage and share brands you love  Pharmamedix su Facebook  Pharmamedix su Twitter
 Home | News | About us | Comitato scientifico | Iscriviti | Utenti | Etica | Contenuti | Guida | Faq | Stage | Contatti
Logo Pharmamedix
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Acne

Sintomi


         

Quali sono i sintomi dell'Acne?

I sintomi dell’acne comprendono:
• seborrea
• comedoni
• pustole
• papule
• noduli
• cisti

La seborrea è l’iperproduzione di grasso (sebo) da parte della ghiandola sebacea del follicolo pilifero cutaneo. Il sebo normalmente prodotto dalla ghiandola sebacea serve a formare il film idrolipidico che ricopre e protegge la pelle. Quando la ghiandola, sotto lo stimolo ormonale, aumenta in maniera eccessiva la produzione di sebo, si forma un’accumulo di materia grassa nel canale follicolare che concorre alla formazione del comedone caratteristico dell’acne. La seborrea conferisce l’aspetto tipico lucido e untuoso della “pelle grassa“.

Il comedone costituisce la lesione elementare dell’acne. Il comedone è causato da un allargamento dell’apertura o orefizio del follicolo pilifero nel quale si accumula grasso (sebo), cheratina, melanina, batteri e peli. Se l’orefizio è aperto, il comedone appare sulla pelle come un “punto nero“: il “nero“ è dovuto all’ossidazione dello strato lipidico superficiale a contatto con l’aria e alla melanina. Se l’orefizio è invece chiuso, il comedone appare come un “punto bianco“ sulla cute ed è assimilabile a tutti gli effetti ad una microcisti del follicolo pilifero (Iaia et al., 2003).

Il comedone chiuso, o punto bianco, può evolvere a comedone aperto o punto nero, oppure la microcisti può portare a rottura della parete del follicolo con conseguente infiammazione e formazione di pustole e papule, comunemente chiamate brufoli.

Le papule sono lesioni infiammatorie, derivate dalle microcisti, che si presentano come piccoli rilievi, di consistenza dura, sottocutanei, spesso dolenti. Le papule possono riassorbirsi o evolvere a pustole (Iaia et al., 2003).

Le pustole sono papule caratterizzata dalla presenza di pus (materiale giallastro) sulla sommità.

I noduli sono lesioni infiammate, che possono dare luogo ad una sorta di ascesso (raccolta di materiale purulento all’interno di un tessuto o di una cavità), caratterizzato da dolore e arrossamento cutaneo anche intenso, con lacerazione della cute e formazione di cicatrici.

Le cisti sono formazioni di pus, sottopelle, che permangono anche per settimane, dolorose al tatto, che, come i noduli, possono lasciare esiti cicatriziali permanenti.