BrandMemo | manage and share brands you love  Pharmamedix su Facebook  Pharmamedix su Twitter
 Home | News | About us | Comitato scientifico | Iscriviti | Utenti | Etica | Contenuti | Guida | Faq | Stage | Contatti
Logo Pharmamedix
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Epatite B

Avvertenze


         

Cosa chiedere al medico e al farmacista sull'Epatite B?

Se ritieni di avere i sintomi dell’epatite B, o se a qualcuno dei tuoi familiari è stata diagnosticata l’epatite B, parlane con il tuo medico di fiducia.

Ecco alcune domande che potresti porre.

• Posso avere contratto un’infezione da epatite B?
• A quali esami devo sottopormi?
• Qualora abbia davvero l’epatite B, quali precauzioni dovrei osservare nel contatto con i miei famigliari?
• I miei famigliari devono vaccinarsi contro l’epatite B?
• Fino a quando posso essere contagioso?
• Posso continuare ad andare a lavorare o a frequentare la scuola?
• Per quanto tempo durerà la malattia?
• Posso contrarre più volte l’epatite B?
• Quali conseguenze può lasciare l’epatite B?
Le raccomandazioni per l’epatite B riguardano da un lato le misure da adottare per ridurre il rischio di contagio e dall’altro le indicazioni mediche da seguire in caso di infezione.

In caso di infezione è necessario sottoporre i famigliari e i partners sessuali ai test sierologici per la ricerca del virus HBV (HBsAg, HBsAb e HBcAb). In caso di negatività dei test, per evitare il contagio si raccomanda la vaccinazione anti-epatite B.

Nei pazienti con epatite B che non hanno contratto l’epatite A si raccomanda la vaccinazione per l’epatite A.

La guarigione dall’epatite B e la vaccinazione anti-epatite B proteggono dal rischio di una nuova infezione.

Il trattamento farmacologico dell’epatite B è riservato ai casi di epatite B cronica. La malattia infatti, se contratta in età adulta, presenta una prognosi favorevole (epatite B acuta) con guarigione spontanea nel giro di circa 6 mesi. La percentuale di pazienti adulti contagiati dal virus HBV sviluppa la forma cronica in una percentuale molto bassa (circa il 5%). Nei bambini invece è prevalente la forma cronica dell’infezione.

Nei pazienti con epatite B cronica, la somministrazione dei farmaci dipende dal quadro clinico definito in base ai valori della viremia (HBV DNA), della transaminasi epatica alanino aminotransferasi ALT e dalla gravità della malattia epatica.

I pazienti candidati alla cura farmacologica presentano una carica virale superiore a 2000 UI/ml, livelli di ALT superiori al limite massimo normale (ULN, upper limit of normal) e presenza di necrosi/infiammazione epatica di grado moderato-severo e/o fibrosi da moderata a grave evidenziata tramite biopsia del fegato (in alternativa alla biopsia possono essere utilizzati marker non invasivi validati in pazienti con infezione). Nei pazienti che presentano elevata carica virale e malattia epatica grave il trattamento farmacologico è raccomandato anche se i livelli di ALT rientrano nella norma (Linee Guida EASL, 2012).

Nei pazienti con infezione HBV si raccomanda di ricercare l’eventuale presenza di altri virus (virus dell’epatite A, virus dell’epatite C, virus dell’epatite D, virus dell’immunodeficienza acquisita HIV) come possibili concause di malattia epatica cronica. I pazienti con epatite B cronica che non hanno contratto l’epatite A dovrebbero essere vaccinati per l’epatite A (Linee Guida EASL, 2012).

La presenza di malattie del fegato di origine alcolica, autoimmunitaria o metabolica possono peggiorare le condizioni del paziente con epatite B cronica. La biopsia del fegato può essere necessaria in alcune situazioni per valutare l’infiammazione e il grado di necrosi e per orientare la cura successiva.

I pazienti con epatite B cronica devono essere monitorati per valutare lo stato della malattia (possibili riacutizzazioni) e la funzionalità epatica per il rischio delle complicanze a lungo termine (fibrosi, cirrosi, carcinoma epatico).

I pazienti con epatite B cronica devono effettuare periodicamente l’ecografia del fegato per evidenziare la formazione di eventuali lesioni sospette riconducibili a tumore epatico. A differenza infatti di quanto si verifica in caso di epatite C, il tumore epatico da virus dell’epatite B si può manifestare anche in un fegato senza cirrosi.


Nota:
Innova et Bella, nell'ambito delle proprie attivita pro bono, ha condiviso con Wikipedia, l'enciclopedia libera, un accordo di licenza gratuita relativa ai contenuti della sezione "Avvertenze" di Pharmamedix.

In particolare I&B autorizza e predispone la pubblicazione dei contenuti di questa sezione "Avvertenze", con licenza GFDL e CC-BY_SA, sulla pagina dell'enciclopedia libera alla Voce "Epatite B".