BrandMemo | manage and share brands you love  Pharmamedix su Facebook  Pharmamedix su Twitter
 Home | News | About us | Comitato scientifico | Iscriviti | Utenti | Etica | Contenuti | Guida | Faq | Stage | Contatti
Logo Pharmamedix
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Acido Folico

Folina, Fertifol, Folidex e altri

Avvertenze - Quali informazioni conoscere prima di usare Acido Folico?


         

Individualizzazione del dosaggio: il dosaggio di acido folico deve essere individualizzato a seconda del tipo di deficit e/o sulla base di particolari condizioni fisiologiche del paziente. In particolare, potrebbero richiedere dosaggi maggiori di acido folico, rispetto a quelli raccomandati, le donne che hanno già avuto gravidanze, portate a termine o meno, in cui sono stati riscontrati difetti del tubo neuronale oppure con storia famigliare di difetti del tubo neuronale; le donne in terapia con farmaci antiepilettici o con antagonisti dell’acido folico; le donne con anemia megaloblastica da carenza di acido folico.

Anemia megaloblastica: somministrare con cautela l’acido folico in caso di anemia megaloblastica di origine non nota. L’acido folico infatti può rendere difficile la diagnosi di anemia perniciosa (anemia da carenza di vitamina B12) riducendo le manifestazioni ematologiche dell’anemia e facendo invece progredire le complicazioni neurologiche. Il danno neurologico potrebbe quindi arrivare ad un grado elevato prima che sia diagnosticata la causa reale dello stato anemico. Per evitare questo tipo di problematica sono disponibili test che permettono di valutare velocemente il livello di vitamin B12 indipendentemente dalla presenza di folati (Epicentro, 2015). In linea teorica, l’eccesso di acido folico in persone con bassi livelli di vitamina B12, può scavalcare il blocco metabolico nella sintesi degli acidi nucleici (la vitamina B12 è un cofattore essenziale per questo tipo di sintesi) permettendo che la duplicazione cellulare nel midollo osseo continui e quindi venga mascherata l’anemia. Come conseguenza la richiesta di gruppi di metilazione da parte delle cellule in crescita aumenta provocando una elevata deplezione del potenziale di metilazione con particolare sofferenza da parte delle cellule del sistema nervoso (Doctor Pediatria, 2009). Nella realtà questa situazione si instaura raramente. Non vi sono dati di letteratura che evidenziano come l’arricchimento dei cibi con acido folico abbia mascherato una deficienza di vitamina B12 in pazienti di qualsiasi gruppo di età (Mills et al., 2003).

Difetti del tubo neurale: la somministrazione di acido folico per la prevenzione dei difetti del tubo neurale nel nascituro, va effettuata nel periodo che precede il concepimento fino alla 12a settimana di gestazione; non è efficace se il trattamento viene iniziato dopo la quarta settimana di gravidanza.
Si raccomanda di proseguire la supplementazione di folati a partire dall’inizio del secondo trimestre, quando termina l’organogenesi e linizia l’accrescimento fetale, e per tutta la restante parte della gravidanza per ridurre il rischio di anemia megaloblastica durante la fase finale della gestazione e il puerperio.

Antagonisti dell’acido folico: nelle donne in terapia con antagonisti dell’acido folico è più opportuno somministrare l’acido folinico piuttosto che l’acido folico a dosaggi elevati.

Fenobarbitale, fenitoina, pirimidone: la co-somministrazione di acido folico con fenobarbitale, fenitoina o pirimidone non è raccomandato. Se necessario, monitorare la concentrazione plasmatica degli antiepilettici.

Cloramfenicolo: in caso di somministrazione concomitante di acido folico e cloramfenicolo, controllare la risposta ematologica.

Fumatori, alcolisti, anemia emolitica, infezioni croniche: in queste condizioni è consigliato un incremento della dose di folati assunti con la dieta.

Somministrazione parenterale: somministrare acido folico per via parenterale solo in caso di nutrizione parenterale.

Gravidanza e allattamento: l’uso dell’acido folico non è controindicato in gravidanza e durante allattamento. Poichè non sono disponibili sufficienti dati sulla sicurezza del farmaco per dosi superiori a 4-5 mg/die, si raccomanda di non superare la dose giornaliera di 5 mg.

         


Nota:
Innova et Bella, nell'ambito delle proprie attivita pro bono, ha condiviso con Wikipedia, l'enciclopedia libera, un accordo di licenza gratuita relativa ai contenuti della sezione "Avvertenze" di Pharmamedix.

In particolare I&B autorizza e predispone la pubblicazione dei contenuti di questa sezione "Avvertenze", con licenza GFDL e CC-BY_SA, sulla pagina dell'enciclopedia libera alla Voce "Acido Folico".