BrandMemo | manage and share brands you love  Pharmamedix su Facebook  Pharmamedix su Twitter
 Home | News | About us | Comitato scientifico | Iscriviti | Utenti | Etica | Contenuti | Guida | Faq | Stage | Contatti
Logo Pharmamedix
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Ketoprofene

Oki, Fastum gel, Lasonil, Orudis e altri

Avvertenze - Quali informazioni conoscere prima di usare Ketoprofene?


         

Modalità di somministrazione: si consiglia di assumere ketoprofene durante i pasti o in associazione con antiacidi per minimizzare l'insorgenza di effetti collaterali di natura gastrica.
Cautela in caso di somministrazione intramuscolo del farmaco in quanto si possono verificare emorragie, lividi ed ematomi dovuti agli effetti secondari che il farmaco esercita sulle piastrine.
L'utilizzo prolungato del farmaco topico potrebbe dar luogo a fenomeni di sensibilizzazione, nel qual caso occorre sospendere la cura e adottare idonee misure terapeutiche.

Fotosensibilità: evitare l’esposizione alla luce solare diretta (anche quando il cielo è velato), compreso il solarium durante il trattamento con ketoprofene per uso topico e nelle due settimane successive l’interruzione; proteggere dal sole le parti trattate tramite indumenti, dopo ogni uso, lavarsi accuratamente e in maniera prolungata le mani (Agenzia Italiana del Farmaco, 2011 e 2014). Sospendere immediatamente il trattamento e mettersi in contatto con il medico qualora si presentino sintomi e segni quali prurito, bruciore, eritema, orticaria e eruzioni bollose. Effetti indesiderati possono essere minimizzati con l’uso della dose minima efficace per la più breve possibile durata di trattamento che occorre per controllare i sintomi.

Terapia prolungata: in caso di trattamenti a lungo termine con ketoprofene si consiglia di monitorare e di tenere sempre sottocontrollo la funzionalità epatica, renale e la crasi ematica. In terapie prolungate e con alte dosi si tenga presente la possibilità di competizione tra ketoprofene e farmaci ad elevato legame sieroproteico. Studi clinici ed epidemiologici hanno evidenziato un rischio trombotico potenzialmente aumentato (attacco cardiaco e stroke) soprattutto quando i FANS sono usati ad alte dosi e per trattamenti a lungo termine.

Intervento chirurgico: sospendere la somministrazione di ketoprofene 24 ore prima di un intervento chirurgico o di un'estrazione dentaria.

Pazienti epatopatici: cautela nei pazienti affetti da epatopatie (aumento del rischio di emorragie gastrointestinali e ritenzione idrica).

Pazienti anziani: i pazienti anziani presentano un aumento della frequenza delle reazioni avverse ai FANS specialmente emorragia e perforazioni gastrointestinali anche fatali.

Pazienti fumatori ed etilisti: monitorare i pazienti fumatori ed etilisti per evitare l'insorgenza di emorragie gastriche in caso di terapia con FANS.

Pazienti cardiopatici: cautela nei pazienti con una storia di ipertensione e/o insufficienza cardiaca poiché in associazione alla terapia con FANS sono state riportate ritenzione idrica ed edema.

Pazienti nefropatici: il ketoprofene deve essere somministrato con cautela nei pazienti con ridotta funzionalità renale perchè l'inibizione esercitata sulle prostaglandine a livello renale può indurre un peggioramento dell'insufficienza dell'organo. La somministrazione contemporanea con diuretici, beta-bloccanti e captopril può incrementare il rischio di insufficienza renale a causa di una diminuzione del flusso ematico. L'associazione richiede estrema cautela e monitoraggio della funzionalità renale.

Pazienti pediatrici: in pazienti pediatrici trattati con ketoprofene sale di lisina sono state riscontrate emorragie gastrointestinali ed ulcera peptica; pertanto il prodotto va somministrato sotto stretto controllo del medico che dovrà valutare volta per volta lo schema posologico necessario.

Asma bronchiale, diatesi allergica: l'uso di ketoprofene in pazienti con asma bronchiale o con diatesi allergica può far insorgere una crisi asmatica e/o indurre gravi reazioni di ipersensibilità.

Tossicità gastrointestinale: i FANS sono associati a comparsa di ulceragastrica o duodenale, emorragia o perforazioni in qualsiasi momento, con o senza sintomi di preavviso o precedente storia di emorragia gastrointestinale. Il rischio aumenta con l'aumentare del dosaggio; iniziare quindi la terapia con la dose minima efficace. Valutare la combinazione con farmaci protettivi della mucosa gastrointestinale nei pazienti a rischio, in terapia con ASA a basso dosaggio o con altri farmaci gastrolesivi. Sospendere il ketoprofene in caso di sanguinamento gastrointestinale o ulcera.

Patologie ematiche: cautela in caso di preesistente coagulopatie o emofilia a causa dell'azione del farmaco sulle piastrine, cautela in caso di anemia. Il ketoprofene prolunga il tempo di sanguinamento.

Patologie ai denti: cautela nei pazienti affetti da patologie ai denti in quanto il ketoprofene può provocare mielosoppressione (leucopenia, trombocitopenia) e incrementare il rischio di infezioni.

Disturbi visivi: in caso di disturbi visivi, sospendere il trattamento con ketoprofene e sottoporre il paziente a controllo oculistico.

Malattie infiammatorie intestinali croniche: i FANS devono essere somministrati con cautela in pazienti con malattie infiammatorie quali colite ulcerative e morbo di Crohn perchè possono esacerbare tali condizioni patologiche.

Ciclosporine, metotressato, litio, digossina, plicamicina, cefamandolo, cefoperazone e cefotetan: evitare la somministrazione contemporanea di ketoprofene

FANS, etanolo, corticosteroidi e salicilati: non somministrare in associazione perché si può avere un aumento degli effetti collaterali a livello gastrointestinale.

Corticosteroidi orali, anticoagulanti (warfarin), inibitori selettivi del reuptake della serotonina, agenti antiaggreganti (aspirina): potrebbero aumentare il rischio di ulcerazione o emorragia. Il ketoprofene aumenta il tempo di protrombina; in caso di difetti della coagulazione o di trattamento contemporaneo con anticoagulanti orali o farmaci trombolitici, tale effetto può essere accentuato: evitare l'uso contemporaneo.

Gravidanza: l'uso del ketoprofene al termine della gravidanza può determinare il ritardo del parto e può provocare alterazioni dell'emodinamica del piccolo circolo del nascituro con gravi conseguenze per la respirazione.

         


Nota:
Innova et Bella, nell'ambito delle proprie attivita pro bono, ha condiviso con Wikipedia, l'enciclopedia libera, un accordo di licenza gratuita relativa ai contenuti della sezione "Avvertenze" di Pharmamedix.

In particolare I&B autorizza e predispone la pubblicazione dei contenuti di questa sezione "Avvertenze", con licenza GFDL e CC-BY_SA, sulla pagina dell'enciclopedia libera alla Voce "Ketoprofene".