BrandMemo | manage and share brands you love  Pharmamedix su Facebook  Pharmamedix su Twitter
 Home | News | About us | Comitato scientifico | Iscriviti | Utenti | Etica | Contenuti | Guida | Faq | Stage | Contatti
Logo Pharmamedix
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Melatonina

Circadin

Effetti collaterali - Quali sono gli effetti collaterali di Melatonina?


         

Nei trial clinici relativi all’impiego della melatonina nel trattamento dell’insonnia primaria, l’incidenza degli eventi avversi è stata pari al 37% vs 31,8% rispettivamente con melatonina e placebo. Considerando il numero di pazienti che hanno riportato una reazione avversa/100 settimane-paziente, il valore per il placebo risulta più elevato di quello della melatonina (8,21 vs 3,17) (Scheda prodotto Circadin).

Gli effetti avversi più frequentemente riscontrati sono stati cefalea, faringite, dolore alla schiena, astenia.

Riportiamo di seguito gli effetti collaterali osservati nei trial clinici relativi all’impiego della melatonina per il trattamento dell’insonnia primaria.

Cardiovascolari: (rari) vampate di calore, tachicardia sinusale; ipotensione (Guardiola-Lemaître, 1997).

Centrali: (non comuni) convulsioni, capogiri, incubi, sonnolenza, mal di testa, irritabilità, confusione, nervosismo, irrequietezza, insonnia; (rari) depressione, letargia, alterazioni dell’umore, aggressività, pianto, risveglio precoce, aumento della libido, deficit di memoria, disturbi dell’attenzione, sonno di qualità scadente.
In pazienti pediatrici con deficit neurologici, la somministrazione di melatonina per il trattamento di disturbi del sonno è stata associata ad un aumento dell’attività convulsiva (Sheldon, 1998).

Dermatologici: (non comuni) iperidrosi (eccessiva sudorazione); (rari) eruzioni cutanee (eczema, eritema, rash pruriginoso), prurito, xerodermia (cute secca), disturbi a carico delle unghie, sudorazione notturna.

Ematici: (rari) diminuzione del numero di globuli bianchi (leucopenia) e di piastrine (trombocitopenia).

Epatici: (non comuni) aumentati livelli di bilirubina nel sangue; (rari) aumento degli enzimi epatici, alterazioni nei test di funzionalità epatica e nei test di laboratorio, epatite.

Gastrointestinali: (non comuni) dolore addominale, stitichezza, xerostomia (diminuita secrezione salivare); (rari) disturbi gastrointestinali, vomito, borborigmi intestinali (rumori simili a gorgoglii), eccessiva presenza di gas a livello gastrointestinale, aumentata secrezione salivare, alitosi.

Metabolici: (non comuni) aumento di peso; (raro) ipertrigliceridemia.

Muscoloscheletrici: (rari) crampi muscolari, dolore al collo.

Oftalmici: (rari) diminuzione dell’acuità visiva, offuscamento della vista, aumento della lacrimazione.

Orecchio: (rari) vertigine posturale.

Organi riproduttivi: (rari) priapismo.

Sistemici: (non comuni) astenia; (rari) affaticamento, infezioni (Herpes zoster).