BrandMemo | manage and share brands you love  Pharmamedix su Facebook  Pharmamedix su Twitter
 Home | News | About us | Comitato scientifico | Iscriviti | Utenti | Etica | Contenuti | Guida | Faq | Stage | Contatti
Logo Pharmamedix
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Valsartan

Tareg, Cotareg, Combisartan e altri

Interazioni - Quali sono le interazioni farmacologiche di Valsartan?


         

ACE-inibitori: aumentano il rischio di ipercaliemia, danni renali e ipotensione arteriosa quando somministrati in associazione agli antagonisti del recettore dell’angiotensina. La co-somministrazione di sartani e ACE-inibitori non è raccomandata, in particolare in caso di pazienti con nefropatia diabetica. Nel caso fosse necessario somministrare sartano più ACE-inibitore, devono essere attentamente monitorati funzionalità renale, pressione arteriosa e equilibrio elettrolitico (European Medicines Agency, 2014).

Alcol: incremento degli effetti ipotensivi.

Aldesleuchina: incremento degli effetti ipotensivi.

Alfabloccanti: incremento degli effetti ipotensivi.

Alprostadil: in associazione agli antagonisti del recettore dell’angiotensina II si può verificare un aumento dell’azione ipotensiva.

Amlodipina, atenololo, cimetidina, digossina, furosemide, glibenclamide, idroclorotiazide, indometacina, warfarin: non sono state osservate interazioni farmacocinetiche quando questi farmaci sono stati somministrati contemporaneamente a valsartan.

Anestetici generali: incremento degli effetti ipotensivi.

Ansiolitici e ipnotici: incremento degli effetti ipotensivi.

Antipertensivi vasodilatatori (idralazina, minoxidil, nitroprussiato): incremento dell’effetto ipotensivo.

Antipsicotici: incremento degli effetti ipotensivi.

Beta-bloccanti: incremento degli effetti ipotensivi.

Calcio-antagonisti: incremento degli effetti ipotensivi.

Ciclosporina: incremento del rischio di ipercaliemia. Poichè la ciclosporina è un inibitore dei trasportatori di captazione (proteine transmembrana, presenti soprattutto a livello di reni e fegato, che consentono il trasporto di sostanze attraverso la membrana cellulare) e il valsartan è substrato di tali trasportatori, si potrebbe verificare un aumento dell’esposizione sistemica del valsartan in caso di associazione con ciclosporina.

Clonidina: incremento degli effetti ipotensivi.

Corticosteroidi: riducono gli effetti ipotensivi degli antagonisti del recettore dell’angiotensina II.

Diazossido: aumento dell’effetto ipotensivo.

Diuretici risparmiatori di potassio, supplementi di potassio, farmaci che possono aumentare la potassiemia: in associazione con valsartan è richiesta cautela e monitoraggio dei livelli sierici di potassio.

Drospirenone: in associazione con sartani può aumentare il rischio di ipercaliemia. Si raccomanda di monitorare i livelli di potassio durante il primo ciclo di terapia con il progestinico.

Eparina: in associazione agli antagonisti del recettore dell’angiotensina II si può verificare aumento del rischio di ipercaliemia.

Epoetina: riduce gli effetti ipotensivi dei sartani e aumenta il rischio di ipercaliemia.

Estrogeni: riducono gli effetti ipotensivi.

FANS: l’associazione fra antagonisti dell’angiotensina II e FANS, incluso l’ASA (> 3 g/die) può provocare, a causa dell’attività antiprostaglandinica dei FANS, un’attenuazione dell’effetto antipertensivo e una riduzione della filtrazione glomerulare con conseguente rischio di insufficienza renale acuta o iperkaliemia. Si raccomanda pertanto il monitoraggio degli indici di funzionalità renale soprattutto nei pazienti anziani e/o disidratati (BIF, n 2, 2006).

Inibitori diretti della renina (es. aliskiren): la co-somministrazione di sartani e inibitori diretti della renina non è raccomandata, in particolare in caso di diabete mellito oppure insufficienza renale moderata-grave (velocità di filtrazione glomerulare < 60 ml/min/1,73 m2) (European Medicines Agency - EMA, 2014).

Inibitori del trasportatore di efflusso epatico MRP2 (es. ritonavir): il trasportatore o pompa di efflusso epatico MRP2 è una proteina localizzata soprattutto a livello di fegato, rene e intestino che favorisce l’escrezione cellulare di specifiche sostanze. I farmaci che inibiscono la pompa di efflusso MRP2, come ad esempio il ritonavir, possono aumentare l’esposizione sistemica dei substrati di tale pompa, come il valsartan. La co-somministrazione di ritonavir e valsartan richiede cautela.

Levodopa: incremento degli effetti ipotensivi.

Litio: la somministrazione di sartani a pazienti in terapia con litio è stata associata all’aumento della tossicità dell’antidepressivo. Gli antagonisti del recettore AT1 possono provocare natriuresi che può sfociare in una maggiore ritenzione di litio a livello dei nefroni, con conseguente aumento della sua tossicità. Sebbene l’interazione si sia verificata raramente, l’associazione farmacologica richiede cautela ed il monitoraggio della concentrazione sierica del litio.

MAO-inibitori: possibile aumento degli effetti ipotensivi.

Metildopa: aumenta gli effetti ipotensivi.

Miorilassanti (baclofene, tizanidina): in associazione ai sartani si può verificare un aumento dell’azione ipotensiva.

Moxisilite (timoxamina): incremento degli effetti ipotensivi.

Moxonidina: incremento degli effetti ipotensivi.

Nitrati: incremento degli effetti ipotensivi.

Rifampicina: poiché la rifampicina è un inibitore dei trasportatori di captazione e il valsartan è substrato di tali trasportatori, la co-somministrazione dei due farmaci potrebbe comportare un aumento dell’esposizione sistemica del valsartan.

Telmisartan: aumento del rischio di ipercaliemia.