BrandMemo | manage and share brands you love  Pharmamedix su Facebook  Pharmamedix su Twitter
 Home | News | About us | Comitato scientifico | Iscriviti | Utenti | Etica | Contenuti | Guida | Faq | Stage | Contatti
Logo Pharmamedix
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Potassio

Polase, Gaviscon Advance, Luvion e altri

Effetti collaterali - Quali sono gli effetti collaterali di Potassio?


         

Gli effetti collaterali riportati di seguito sono stati osservati dopo supplementazione con sali di potassio.

Cardiovascolari: in caso di iperpotassiemia (concentrazione del potassio nel sangue > 5,5 mEq/L) si verifica depolarizzazione del potenziale di membrana con conseguente aumento dell’eccitabilità delle cellule, disturbi della conduzione, scomparsa dell'onda P, allargamento del QRS e arresto cardiaco.

Centrali: parestesie, debolezza, confusione mentale, sonnolenza.

Dermatologici: Dolore, infezioni, flebiti al sito di iniezione ev. con soluzioni contenenti potassio a concentrazioni uguali o superiori a 30 mEq/L. L’accidentale somministrazione per via sottocutanea ha provocato necrosi cutanea (Williams, 1984).
E’ stato riportato un caso di ulcerazioni perianali a seguito di un bagno di permanganato di potassio per il trattamento di lesioni da psoriasi volgare (Riehemann et al., 2010).

Gastrointestinali: nausea, vomito, diarrea, crampi addominali.
La somministrazione di compresse non rivestite di potassio cloruro può provocare irritazione gastrica; la somministrazione di compresse gastroresistenti, invece, può provocare ulcerazioni dell’intestino tenue, associate a emorragie e perforazione (McMahon et al., 1982; Barkin et al., 1983); la somministrazione di compresse a cessione controllata ha provocato occasionalmente stenosi esofagea, ulcerazioni dell’esofago, lesioni dell’intestino tenue.

Metabolici: iperpotassiemia.

Muscoloscheletrici: paralisi flaccide, tetania ipocalcemica in caso di intossicazione da potassio fosfato.

Oftalmici: il potassio iodato, ad alte dosi, può danneggiare l’epitelio pigmentato retinico e le cellule fotorecettrici (tossicità a carico della retina) (Singalavanija et al., 2000).