BrandMemo | manage and share brands you love  Pharmamedix su Facebook  Pharmamedix su Twitter
 Home | News | About us | Comitato scientifico | Iscriviti | Utenti | Etica | Contenuti | Guida | Faq | Stage | Contatti
Logo Pharmamedix
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Basalioma

Prevenzione


         

Come prevenire il Basalioma?

La prevenzione verso il basalioma o carcinoma basocellulare si attua limitando l’esposizione alla luce solare e con l’uso di filtri protettivi per la pelle quando ci si espone al sole.

In particolare i soggetti con fototipo I o II (pelle chiara, a basso contenuto di melanina) dovrebbero evitare l’esposizione alle radiazioni solari nelle ore più calde dei mesi estivi, quando le radiazioni sono più intense, e limitare la durata dell’esposizione al sole. In estate, le ore in cui sarebbe preferibile non esporsi al sole sono quelle comprese fra le 10 della mattina e le 4 del pomeriggio.

E’ importante inoltre anche la modalità con cui ci si espone al sole. Il rischio di sviluppare un carcinoma basocellulare è maggiore in chi si espone con irregolarità (esposizione intermittente) rispetto a chi lo fa invece regolarmente (Sicpre - Linee Guida Tumori Cutanei, 2012).

Prima di esporsi al sole proteggere la pelle utilizzando creme solari ad elevata protezione (fattore di protezione non inferiore a 15). Al mare le creme protettive devono essere applicate ripetutamente, ogni 2 ore e dopo ogni bagno in mare, anche nelle giornate estive nuvolose (in presenza di nuvole la quantità di radiazione UV trattenuta è pari solo al 20-40%). Il fattore di protezione di una crema solare esprime il rapporto fra la quantità di radiazione UVB in grado di provocare eritema sulla pelle protetta e quantità di radiazione UVB in grado di provocare stesso eritema quando la pelle non è protetta. I filtri solari si distinguono in due tipi: chimici e fisici. I primi contengono sostanze in grado di assorbire la radiazione UVB, i secondi (es. ossido di zinco) riflettono tale radiazione.

I soggetti con pelle chiara dovrebbero limitare l’uso di lampade o lettini abbronzanti. Le lampade e i lettini abbronzanti irradiano una quantità di radiazione UVA, co-cancerogena, maggiore rispetto alla luce del sole.

L’uso di abiti a trama stretta, maglie a manica lunga, pantaloni lunghi, cappelli con visiera può contribuire a proteggere la pelle dai raggi del sole troppi intensi quando, ad esempio, non è possibile ricorrere in maniera adeguata ai filtri solari protettivi.

Gli occhi devono essere sempre schermati dalla luce del sole intensa con occhiali a lenti scure.