BrandMemo | manage and share brands you love  Pharmamedix su Facebook  Pharmamedix su Twitter
 Home | News | About us | Comitato scientifico | Iscriviti | Utenti | Etica | Contenuti | Guida | Faq | Stage | Contatti
Logo Pharmamedix
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Dermatite

Diagnosi


         

Come si diagnostica la Dermatite?

La diagnosi della dermatite è clinica, basata cioè sui sintomi evidenziati dal paziente. Può essere confermata, per alcune forme di dermatite, da test condotti sulla pelle e/o analisi del sangue; eventualmente dal prelievo di campioni di pelle da analizzare in laboratorio (biopsia).

Gli esami clinici che possono essere utilizzati nella dermatite da contatto e nella dermatite atopica sono i prick test e il dosaggio delle immunoglobuline IgE specifiche (test RAST, Radio-allergo-Sorbent Test) (Fabbri et al., 2014).

I prick test si effettuano in genere sull’avambraccio. Si pone sulla pelle una goccia di allergene, quindi si punge la pelle con un lancetta in modo superficiale (la puntura deve interessare l’epidermide, non danneggiare i vasi sanguigni presenti nel derma). La “lettura” si esegue dopo circa una ventina di minuti. Si utilizza come controllo positivo l’istamina e come controllo negativo la soluzione fisiologica. Il test è positivo per un determinato allergene, se, in corrispondenza della puntura, si sviluppa un pomfo di diametro =/> 2 mm o un arrossamento (eritema) di diametro =/> 3 mm. In alcuni casi la reazione cutanea può manifestarsi tardivamente dopo 24-48 ore, pertanto è indicato procedere ad una seconda ‘lettura’ dopo questo intervallo di tempo. Per eseguire i prick test è indispensabile che la pelle sia sana, quindi non quando è in corso un episodio di dermatite, e che il paziente non stia assumento farmaci che potrebbero interferire con l’esito del test (farmaci antiallergici topici o sistemici).

I test RAST si eseguono tramite prelievo di sangue, per cui possono essere effettuati anche in condizioni di cute non ottimali, indipendentemente da eventuali farmaci corticosteroidei o antistaminici.

In caso di dermatite da allergia alimentare, il test più indicato è quello di ‘scatenamento’. Da eseguire in ambito ospedaliero, si somministra al paziente, per via orale, una minima quantità del cibo che si ritiene possa essere causa della dermatite e se ne osserva la reazione.