BrandMemo | manage and share brands you love  Pharmamedix su Facebook  Pharmamedix su Twitter
 Home | News | About us | Comitato scientifico | Iscriviti | Utenti | Etica | Contenuti | Guida | Faq | Stage | Contatti
Logo Pharmamedix
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Gotta

Farmaci e terapie


         

Quali farmaci per la Gotta?

Per il trattamento della gotta esistono diversi farmaci: antinfiammatori non steroidei, colchicina e corticosteroidi. È importante che il trattamento abbia inizo nelle prime ore in seguito all’insorgenza dei primi sintomi di un attacco acuto, così da ottenere la risoluzione migliore del processo infiammatorio.

Gli antinfiammatori non steroidei (FANS) rappresentano il trattamento di prima linea durante un attacco acuto di gotta. In passato l’indometacina costituiva il farmaco di elezione, ma oggi sono utilizzati anche ibuprofene, naprossene e celecoxib. Diversi trial clinici hanno confrontato l’attività dei vari prinicipi attivi per poter stabilire quale mostrasse maggiore efficacia nel trattamento della gotta, ma non sono state osservate differenze significative. In ogni caso si raccomanda di continuare il trattamento con l’antinfiammatorio selezionato all’inizio per tutta la durata dell’attacco acuto. Solitamente gli antinfiammatori sono prescritti ad alte dosi per fermare un attacco di gotta in corso e a dosi minori quando i sintomi diminuiscono, per prevenire gli attacchi futuri.

La colchicina è un farmaco utilizzato solo nel trattamento della gotta. È una molecola che agisce inibendo la dinamicità dei microtubuli cellulari e quindi la motilità delle cellule immunitarie, limitando il processo infiammatorio. La colchicina è somministrata in caso di controindicazioni all’assunzione di FANS. Viene somministrata oralmente alla dose iniziale di 1,2 mg e in seguito a una dose di 0,6-1,2 mg/die. Sebbene sia efficace come i FANS nel combattere lo stato infiammatorio, è meno usata perché i pazienti vanno molto spesso incontro a effetti indesiderati quali nausea, diarrea e vomito.

I corticosteroidi rappresentano un’alternativa per i pazienti che non possono assumere FANS nè colchicina. In maniera dipendente dal numero di articolazioni infiammate e possono essere assunti oralmente, somministrati in vena o iniettati nell’articolazione infiammata. Nel trattamento della gotta sono usati i glucocorticoidi prednisone e prednisolone (Hainer et al., 2014).

In aggiunta alla terapia farmacologica le linee guida raccomandano di procedere con l’applicazione di ghiaccio sull’articolazione colpita, che aiuta a ridurre la sofferenza durante un episodio di infiammazione acuta (Schlesinger et al., 2002).

Oltre al trattamento sintomatico dell’infiammazione articolare esistono dei farmaci che permettono di abbassare i livelli di acido urico, utilizzati soprattutto nelle fasi avanzate di gotta. Tra questi il più usato è l’allopurinolo, che è un inibitore dell’enzima xantino-ossidasi, che converte la xantina in acido urico.

I farmaci impiegati in Italia nel trattamento della gotta comprendono (in corsivo sono riportate le spacialità medicinali):