BrandMemo | manage and share brands you love  Pharmamedix su Facebook  Pharmamedix su Twitter
 Home | News | About us | Comitato scientifico | Iscriviti | Utenti | Etica | Contenuti | Guida | Faq | Stage | Contatti
Logo Pharmamedix
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Gotta

Sintomi


         

Quali sono i sintomi della Gotta?

I sintomi della gotta comprendono:

Quando il processo di deposizione di acido urico nelle articolazioni ha inizio, la gotta è in una fase asintomatica. Diviene manifesta nel momento in cui insorge il processo infiammatorio acuto, causando dolore, rossore e gonfiore all’articolazione colpita per un periodo di tempo da qualche giorno a qualche settimana. Tipicamente la prima articolazione ad essere colpita è quella metatarso-falangea dell’alluce (circa 50% dei casi), la cui infiammazione rappresenta la condizione di “podagra”.

A un attacco di gotta acuto di solito segue un periodo asintomatico sino all’attacco successivo, che può durare anche anni, soprattutto all’inizio. Questo intervallo di tempo è conosciuto come periodo intercritico, durante il quale l’infiammazione articolare è più lieve, ma può aggravarsi se i livelli di acido urico subiscono un rapido innalzamento a causa di eventi scatenanti quali un trauma o il consumo di alcool e alimenti ricchi di purine. Inoltre l’articolazione colpita dalla gotta rimane molto fragile.

Se all’inizio le articolazioni infiammate sono di solito una o due, gli attacchi di gotta in seguito divengono poliarticolari, coinvolgendo caviglie, talloni, ginocchia, polsi, articolazioni delle mani. Oltre al dolore possono svilupparsi degli eritemi nella zona dell’articolazione colpita.

La gotta si presenta, quindi, come malattia intermittente, ma col passare del tempo il periodo tra gli attacchi si accorcia sempre di più e, se non trattata, può trasformarsi in forma cronica, con gravi danni e degenerazione delle articolazioni.

L’accumulo progressivo di acido urico po’ indurre la formazione di tofi: aggregati di dimensioni abbastanza grosse, che si formano soprattutto dietro le orecchie, nei gomiti, nelle articolazioni più distali delle dita. (CDC – Center for disease control and prevention, 2015).

La deposizione di acido urico nei dotti renali può causare calcoli renali e nefropatia, che può divenire anche abbastanza grave, portando all’insufficienza renale.