BrandMemo | manage and share brands you love  Pharmamedix su Facebook  Pharmamedix su Twitter
 Home | News | About us | Comitato scientifico | Iscriviti | Utenti | Etica | Contenuti | Guida | Faq | Stage | Contatti
Logo Pharmamedix
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Melanoma

Avvertenze


         

Cosa chiedere al medico e al farmacista sul Melanoma?

Se ritieni di avere i sintomi del melanoma, o se a qualcuno dei tuoi familiari è stato diagnosticato il melanoma, parlane con il tuo medico di fiducia.

Ecco alcune domande che potresti porre.

Il melanoma è un tumore maligno (tende a formare metastasi) della pelle. Si sviluppa a partire dalle cellule della cute che producono la melanina (melanociti) e può insorgere su cute normale oppure dai nei (o nevi) che subiscono una trasformazione in senso tumorale. Raramente può svilupparsi in sede extracutanea.

Il melanoma è associato ad una esposizione eccessiva alle radiazioni ultraviolette (raggi solari, lampade UV). Il processo che determina la trasformazione del melanocita in cellula tumorale (melanogenesi) non è ancora stato completamente chiarito. E’ probabile che si tratti di un processo a più step che comporti diverse mutazioni genetiche in grado di rendere via via più sensibile il melanocita agli effetti cancerogeni dei raggi UV.

Il melanoma è un tumore pericoloso perché se trascurato può portare alla formazione di metastasi che riducono in modo significativo qualità e aspettativa di vita del paziente.

Per individuare il melanoma in fase precoce è necessario pertanto procedere periodicamente con un controllo della pelle e dei nei, che può essere eseguito dal paziente stesso (autoesame), indicativamente ogni tre mesi e dal dermatologo una volta all’anno.

Il melanoma è un tumore che può essere prevenuto. In sintesi le linee guida raccomandano (Ministero della Salute, 2013):

I pazienti che hanno già avuto un melanoma devono essere attentamente monitorati per individuare in modo precoce un’eventuale ripresa della malattia. Non sembra comunque che il monitoraggio del paziente trattato radicalmente per melanoma ne migliori la prognosi. La periodicità dei controlli medici e di eventuali esami dipende dal quadro clinico del paziente e va proseguita per un lasso di tempo di 6-10 anni (intervallo di tempo entro il quale è probabile individuare possibili recidive del tumore anche tardive). Dopo 5 anni dalla prima diagnosi di melanoma, gli accertamenti specialistici strumentali vanno eseguiti solo su indicazione clinica, mentre il controllo specialistico della pelle è raccomandato per tutta la vita, dato un rischio di sviluppare un secondo melanoma pari al 4-8% (Associazione Italiana Medicina Oncologica – AIOM, 2017).

In sintesi le linee guida per la gestione del melanoma raccomandano (Associazione Italiana Medicina Oncologica – AIOM, 2017):


Nota:
Innova et Bella, nell'ambito delle proprie attivita pro bono, ha condiviso con Wikipedia, l'enciclopedia libera, un accordo di licenza gratuita relativa ai contenuti della sezione "Avvertenze" di Pharmamedix.

In particolare I&B autorizza e predispone la pubblicazione dei contenuti di questa sezione "Avvertenze", con licenza GFDL e CC-BY_SA, sulla pagina dell'enciclopedia libera alla Voce "Melanoma".