BrandMemo | manage and share brands you love  Pharmamedix su Facebook  Pharmamedix su Twitter
 Home | News | About us | Comitato scientifico | Iscriviti | Utenti | Etica | Contenuti | Guida | Faq | Stage | Contatti
Logo Pharmamedix
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Schizofrenia

Avvertenze


         

Cosa chiedere al medico e al farmacista sulla Schizofrenia?

Se ritieni di avere i sintomi della schizofrenia, o se a qualcuno dei tuoi familiari è stata diagnosticata la schizofrenia, parlane con il tuo medico di fiducia.

Ecco alcune domande che potresti porre.

• Qualora abbia la schizofrenia ci sono esami a cui dovrei sottopormi?
• Qualora abbia la schizofrenia ci sono precauzioni che dovrei osservare io o i miei familiari?
• C’è qualcosa sulla schizofrenia che dovrei sapere?
• Qual è il decorso della malattia?
• A quali complicanze posso andare incontro?
• Cosa devo fare per evitare il ripetersi di episodi acuti?
• Quali visite specialistiche devo fare?

Secondo i più recenti indirizzi, gli interventi da attuare devono essere finalizzati al “benessere” del paziente, al miglioramento della sua qualità di vita (Società Italiana di Psicopatologia, 2015). La schizofrenia è una malattia ad elevato impatto di disabilità sociale, caratterizzata da vulnerabilità genetica a fattori ambientali.

L’intervento precoce del paziente schizofrenico è finalizzato a modificare il decorso della malattia e a migliorarne la prognosi. Il paziente con schizofrenia è preso in carico dal dipartimento di salute mentale (DSM) che afferisce all’azienda sanitaria locale (ASL) di competenza.
Le attività del DSM fanno riferimento al Piano nazionale di azioni per la salute mentale (PANSM), che è stato approvato dalla Conferenza Stato Regioni a gennaio 2013.

Il PANSM individua tre modelli clinico-organizzativi secondo cui attuare la gestione del paziente con schizofrenia:
1) collaborazione/consulenza
2) assunzione di cura
3) presa in carico

La collaborazione/consulenza rappresenta la modalità di intervento per il paziente che non necessita di cure specialistiche continuative. Si basa sulla collaborazione tra il DSM e medicina generale oppure nel caso del paziente adolescente tra la scuola e i servizi psicosociali, la neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza (NPIA) o il pediatra di libera scelta (PLS).

L’assunzione di cura rappresenta il percorso di trattamento per il paziente che richiede un intervento specialistico ma non multifunzionale.

La presa in carico rappresenta il percorso di trattamento per il paziente più grave, che necessita di un intervento specialistico e multifunzionale. La presa in carico richiede la definizione di un piano di intervento personalizzato con un maggior coinvolgimento nel programma di cura della famiglia e della scuola (pazienti adolescenti).


Nota:
Innova et Bella, nell'ambito delle proprie attivita pro bono, ha condiviso con Wikipedia, l'enciclopedia libera, un accordo di licenza gratuita relativa ai contenuti della sezione "Avvertenze" di Pharmamedix.

In particolare I&B autorizza e predispone la pubblicazione dei contenuti di questa sezione "Avvertenze", con licenza GFDL e CC-BY_SA, sulla pagina dell'enciclopedia libera alla Voce "Schizofrenia".