BrandMemo | manage and share brands you love  Pharmamedix su Facebook  Pharmamedix su Twitter
 Home | News | About us | Comitato scientifico | Iscriviti | Utenti | Etica | Contenuti | Guida | Faq | Stage | Contatti
Logo Pharmamedix
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Scompenso Cardiaco

Diagnosi


         

Come si diagnostica lo Scompenso Cardiaco?

Gli esami disponibili per diagnosticare lo scompenso cardiaco sono:

L’anamnesi e l’esame obiettivo sono volti a valutare i sintomi che il paziente riporta e i segni che su di lui si possono notare.

Gli esami di laboratorio comprendono l’emocromo e la valutazione degli elettroliti sierici, il dosaggio del peptide natriuretico atriale (BNP, B-type Natriuretic Peptide) e del frammento amminoterminale del propeptide di tipo B (NTproBNP, N-terminal pro-B type natriuretic peptide) indicatori di sofferenza miocardica, nonché quesiti specifici utili ad identificare la causa dello scompenso cardiaco (infezioni, tireotossicosi, anemie gravi…).

L’elettrocardiogramma, o ECG, mostra, quando esistono, segni indiretti di scompenso cardiaco, fra i quali sovraccarico ventricolare, ipertrofia ventricolare, infarti recenti o avuto nel passato, ecc…

L’elettrocardiogramma è l’esame-chiave che permette di identificare presenza ed entità dello scompenso cardiaco poiché mostra la morfologia e il funzionamento del cuore. Permette di studiare i parametri fondamentali per capire la gravità dello scompenso, primo fra tutti, la frazione di eiezione, cioè la quantità di sangue che il cuore riesce a pompare ad ogni contrazione. Grazie alla modalità color-Doppler è possibile valutare e calcolare i flussi di sangue attraverso le camere del cuore (atri e ventricoli) e le valvole.

La radiografia del torace (RX torace) permette di visualizzare la morfologia del cuore. E’, più che altro, utile per la distinzione di eventuali altre patologie del sistema cardio-respiratorio.