BrandMemo | manage and share brands you love  Pharmamedix su Facebook  Pharmamedix su Twitter
 Home | News | About us | Comitato scientifico | Iscriviti | Utenti | Etica | Contenuti | Guida | Faq | Stage | Contatti
Logo Pharmamedix
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Cefixime

Cefixoral, Supracef e altri

Interazioni - Quali sono le interazioni farmacologiche di Cefixime?


         

Acetaminofene, eparina, fenitoina, diazepam, ibuprofene, furosemide: da studi effettuati su siero di animali risulta che questi farmaci non influiscono significativamente sul legame del cefixime alle proteine (Bialer et al., 1988).

Acido etacrinico, aminoglicosidi, furosemide, vancomicina: possono aumentare la nefrotossicità delle cefalosporine.

Acido salicilico, probenecid: in vitro aumentano in maniera dose dipendente la frazione libera di cefixime (fino a 2,5 volte) (Bialer et al., 1988).

Amoxicillina: da studi preclinici è emerso che l’amoxicillina ed il cefixime in associazione agiscono sinergicamente contro lo Streptococcus pneumoniae penicillino-resistente (Matsumoto, 1998).

Antiacidi: una singola dose di antiacido a base di alluminio-magnesio non riduce significativamente la biodisponibilità del cefixime (Healy et al., 1989).

Azitromicina: è stato dimostrato in vitro che l’attività del cefixime nei confronti di Neisseria gonorrhoeae viene potenziata in caso di associazione con azitromicina (Furuya et al., 2006).

Cibo: la presenza di cibo nello stomaco non sembra modificare la biodisponibilità del cefixime; sembra invece ritardare il tempo di raggiungimento del picco.

Contraccettivi orali: le cefalosporine possono diminuire l’efficacia dei contraccettivi orali. La diminuita attività delle pillole combinate è causata dalla perdita della flora intestinale e dal conseguente minore ricircolo enteroepatico dei metaboliti degli estrogeni, indotti dagli antibiotici; non è invece noto il meccanismo alla base della diminuita efficacia delle pillole solo progestiniche (Siew et al., 1991).

Cumarina, tolbutamide, mefenitoina, nifedipina, testosterone, clorzossazone: in vitro il cefixime non è risultato indurre nè inibire gli enzimi citocromiali responsabili della loro metabolizzazione (Niwa et al., 2004).

Nifedipina: somministrata ad 8 volontari sani (20 mg) ha aumentato la velocità di assorbimento, la concentrazione di picco e di conseguenza la biodisponibilità del cefixime, probabilmente promuovendo il trasporto attivo intestinale dell’antibiotico (Duverne et al., 1992).

Ormeloxifene: in studi condotti su animali la sua efficacia non risulta modificata dalla cosomministrazione di cefixime (Kumar et al., 2006).

Probenecid: alterando la loro clearance renale, aumenta le concentrazioni massime, l’AUC e ritarda e/o prolunga l’escrezione urinaria di alcune cefalosporine (Brown, 1993).

Test di laboratorio: le cefalosporine possono interferire con alcuni test di laboratorio provocando risultati falsi positivi: ricerca della glicosuria con il metodo di Benedict, di Fehlig, e “Clinitest” (ma non con i metodi enzimatici); test di Coombs.

Warfarin: l’uso concomitante di cefalosporine è stato associato ad un aumentato rischio di emorragie da warfarin (Zhang et al., 2006).