Home News About us Comitato scientifico Iscriviti Utenti Etica Contenuti Guida Faq Stage Contatti
Logo Pharmamedix
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Ketorolac

Toradol, Lixidol e altri

Interazioni - Quali sono le interazioni farmacologiche di Ketorolac?

Il ketorolac può interagire con numerosi farmaci. Le interazioni farmacologiche sono state osservate in caso di uso sistemico del Ketorolac (orale o parenterale). La somministrazione oftalmica di ketorolac in associazione ad antibiotici, sedativi, beta-bloccanti, inibitori dell’anidrasi carbonica, miotici, midriatici, ciclopegici e anestetici locali non ha evidenziato interazioni fra farmaci.

ACE-inibitori, antagonisti dell’angiotensina II: aumento del rischio di tossicità renale e del rischio di iperkaliemia (concentrazione sierica di potassio > 5,0 mEq/L) quando somministrati in associazione a ketorolac.

Acido acetilsalicilico: in associazione a ketorolac aumenta il rischio di tossicità gastrointestinale (ulcera ed emorragia gastrointestinale, emorragia digestiva superiore). L’associazione non è raccomandata.

Alfa-bloccanti, beta-bloccanti, calcio-antagonisti, clonidina, diazossido: in associazione ai FANS si può verificare una riduzione degli effetti ipotensivi.

Anticoagulanti cumarinici (warfarin, acenocumarolo): l’associazione degli anticoagulanti cumarinici con ketorolac comporta un aumento potenziale del rischio di emorragia. La somministrazione di una dose di 25 mg di warfarin a volontari sani trattatti con dosi ripetute di ketorolac non ha evidenziato un’interazione farmacocinetica nè farmacodinamica dell’antinfiammatorio sull’anticoagulante (Toon et al., 1990). Il ketorolac ha aumentato il tempo di sanguinamento di un fattore 1,35 rispetto al placebo. L’associazione richiede comunque cautela e un monitoraggio appropriato per il rischio di episodi emorragici.

Baclofene: i FANS potrebbero ridurne la clearance con conseguente aumento della tossicità.

Carbamazepina, fenitoina: sono state riportate segnalazioni sporadiche di episodi convulsivi durante la somministrazione di ketorolac in associazione a carbamazepina e fenitoina.

Ciclosporina: i FANS possono aumentare la nefrotossicità da ciclosporina (sia i FANS sia la ciclosporina sono associati a tossicità renale).

Clopidogrel: in associazione ai FANS aumenta il rischio emorragico (Lanas et al., 2006).

Corticosteroidi: in associazione ai FANS aumenta il rischio di tossicità gastrointestinale (ulcera ed emorragia).

Diuretici: in associazione a ketorolac si può verificare una riduzione dell’azione diuretica.

Eparina, eparine a basso peso molecolare: la somministrazione di ketorolac a pazienti in terapia anticoagulante con eparina o eparina a basso peso molecolare può comportare un aumento del rischio emorragico (Greer et al., 1999). L’associazione non è raccomandata.

FANS: l’associazione di ketorolac ad un altro FANS aumenta il rischio di effetti avversi. L’associazione non è raccomandata.

Fenindione: il fenindione è un derivato indandionico con attività anticoagulante. L’associazione con ketorolac determina un aumento del rischio emorragico. L’associazione non è raccomandata.

Fluticasone: non è stata osservata interazione farmacologica fra ketorolac somministrato per via intranasale (31,5 mg) prima e 30 minuti dopo la somministrazione di una dose di fluticasone (200 mcg) in pazienti trattati con fluticasone per 7 giorni.

Idralazina, minoxidil, nitroprussiato: i FANS ne antagonizzano l’azione ipotensiva.

Iloprost: i FANS somministrati in associazione a iloprost ne possono aumentare il rischio emorragico.

Inibitori della ricaptazione della serotonina (SSRI), venlafaxina: la somministrazione di FANS a pazienti in terapia antidepressiva con SSRI o venlafaxina può comportare un amento del rischio di emorragia.

Litio: il ketorolac può ridurre l’escrezione del litio con conseguente aumento dei livelli plasmatici. L’associazione dei due farmaci può comportare un aumento degli effetti collaterali del litio. L’associazione non è raccomandata (Cold et al., 1998; Iyer, 1994).

Metildopa, moxonidina, nitrati: i FANS ne potrebbero ridurre gli effetti ipotensivi.

Metotrexato: in associazione ai FANS si può verificare una riduzione della clearance dell’antineoplastico e un aumento della sua tossicità. Il meccanismo dell’interazione farmacologica è probabilemnte dovuto alla competizione per il carrier che trasporta gli anioni organici a livello tubulare di cui sia i FANS sia il metotrexato sono substrati (Maeda et al., 2008).

Ossimetazolina: la somministrazione di ketorolac per via intranasale prima oppure 30 minuti dopo la somministrazione di una dose di ossimetazolina non ha comportato interazione farmacologica.

Penicillamina: in associazione ai FANS si potrebbe verificare un aumento della tossicità renale.

Pentossifillina: la somministrazione di ketorolac a pazienti in terapia con pentossifillina provoca un aumento del rischio emorragico. L’associazione non è raccomandata.

Probenecid: riduce l’escrezione di ketorolac con conseguente aumento dei livelli plasmatici dell’antinfiammatorio (incremento dell’AUC totale di circa 3 volte) e della sua emivita (da circa 6 a15 ore). L’associazione non è raccomandata.

Sulfoniluree: i FANS possono aumentare l’attività antidiabetica delle sulfoniluree.