BrandMemo | manage and share brands you love  Pharmamedix su Facebook  Pharmamedix su Twitter
 Home | News | About us | Comitato scientifico | Iscriviti | Utenti | Etica | Contenuti | Guida | Faq | Stage | Contatti
Logo Pharmamedix
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Lorazepam

Tavor, Control e altri

Interazioni - Quali sono le interazioni farmacologiche di Lorazepam?


         

Agonisti oppioidi, fenotiazine, barbiturici, alcool, anestetici generali, inibitori delle MAO, antidepressivi triciclici, ipnotici, ansiolitici/sedativi, analgesici narcotici, antiepilettici e antistaminici: somministrati contemporaneamente a lorazepam possono aumentare la sedazione, la depressione respiratoria e gli effetti centrali indotti dalla benzodiazepina.
L’assunzione concomitante con alcool è controindicata, in quanto può causare un aumento marcato dell’effetto sedativo del lorazepam.
L’assunzione concomitante con analgesici narcotici può causare un aumento dell’euforia con conseguente incremento del rischio di dipendenza psichica.

Aloperidolo: in letteratura sono stati riportati casi di apnea, coma, bradicardia, arresto cardiaco e morte, causati dall’interazione tra lorazepam e aloperidolo.

Amiodarone: aumenta la tossicità cardiovascolare se somministrato insieme a lorazepam.

Cimetidina, eritromicina, disulfiram e antibiotici macrolidi: diminuiscono il metabolismo epatico del lorazepam, quindi la sua clearance.

Clozapina: l’uso contemporaneo di lorazepam e clozapina può provocare sedazione marcata, salivazione eccessiva e atassia. Può essere inoltre causa di anomalie elettrocardiografiche e morte improvvisa (Klimke, Klieser, 1994).

Contraccettivi orali: i contraccettivi orali inibiscono il metabolismo ossidativo del lorazepam potenziandone l’efficacia terapeutica.

Digossina: il lorazepam rallenta l’eliminazione della digossina.

Gotu kola, iperico, kawa kawa, passiflora, valeriana: possono aumentare gli effetti depressivi sul sistema nervoso centrale quando somministrati in associazione a lorazepam. Tremori alle mani, vertigini, senso di affaticamento muscolare e palpitazioni sono stati osservati in caso di somministrazione contemporanea di lorazepam con valeriana e passiflora (Carrasco et al., 2009).

Fenitoina: la fenitoina diminuisce la concentraione ematica del lorazepam perchè ne aumenta il metabolismo epatico.

Flumazenil: antagonizza gli effetti farmacologici del lorazepam ed è pertanto impiegato come antidoto in caso di sovradosaggio. Il flumazenil infatti compete con le benzodiazepine per il recettore GABAergico verso il quale evidenzia maggiore affinità. Poichè spiazza le benzodiazepine dal loro sito di legame, la somministrazione di flumazenil potrebbe essere accompagnata dalla comparsa di convulsioni, in particolare nei pazienti in terapia prolungata con benzodiazepine o che hanno assunto elevate quantità di antidepressivi triciclici.

Levodopa: il lorazepam sembra ridurre gli effetti farmacologici della levodopa (esperienza clinica ridotta). L’associazione farmacologica richiede il monitoraggio dell’efficacia della levodopa.

Loxapina: la loxapina incrementa gli effetti terapeutici del lorazepam (probabile sinergismo). Sono stati riportati in letteratura casi di eccessivo stupor (stato di non responsività), riduzione significativa della frequenza respiratoria e ipotensione causati dall’interazione tra lorazepam e loxapina.

Nelfinavir, ritonavir: possono ridurre i livelli ematici del lorazepam poichè ne aumentano l’attività di glicuronidazione.

Probenecid: il probenecid diminuisce il metabolismo (reazioni di glucuronidazione) e l’eliminazione del lorazepam incrementandone il tempo di emivita, e provocando un’insorgenza più rapida dell’effetto farmacologico e/o prolungandone la durata. Il dosaggio del lorazepam deve essere ridotto del 50% quando è cosomministrato con il probenecid.

Scopolamina: in associazione a scopolamina è stato osservato un aumento della sedazione, delle allucinazioni e dell’irritabilità del lorazepam.

Teofillina e amminofillina: possono diminuire gli effetti farmacologici del lorazepam (parziale antagonismo). In caso di associazione potrebbe essere necessario aumentare la dose della benzodiazepina per indurre sedazione.

Valproato: provoca un aumento delle concentazioni plasmatiche del lorazepam e ne riduce l’eliminazione. In caso di associazione con valproato si raccomanda di ridurre il dosaggio della benzodiazepina del 50%. In letteratura sono stati riportati perdita di coscienza e stato semi-comatoso in una paziente (età: 36 anni) in trattamento con acido valproico (1000 mg/die) e lorazepam (2 mg/die e.v. il primo giorno, 2 mg e.v. il secondo giorno, ripetuto a distanza di un’ora e mezza). La sintomatologia è migliorata dopo la sospensiobe dell’acido valproico (Lee et al., 2002).