BrandMemo | manage and share brands you love  Pharmamedix su Facebook  Pharmamedix su Twitter
 Home | News | About us | Comitato scientifico | Iscriviti | Utenti | Etica | Contenuti | Guida | Faq | Stage | Contatti
Logo Pharmamedix
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Olanzapina

Zyprexa, Zypadhera e altri

Interazioni - Quali sono le interazioni farmacologiche di Olanzapina?


         

Agonisti dopaminergici, levodopa: l’olanzapina antagonizza l’effetto di questi farmaci sui recettori della dopamina.

Benzodiazepine: la somministrazione concomitante di benzodiazepine e olanzapina per via parenterale non è raccomandata per il rischio di sedazione eccessiva e depressione cardiorespiratoria.

Carbone attivo: riduce del 60% il valore dell’AUC (area sotto la curva concentrazione-tempo) e del picco plasmatico dell’olanzapina. Per ridurre il rischio di interazione, il carbone attivo dovrebbe essere somministrato almeno due ore prima o dopo la somministrazione di olanzapina.

Cimetidina, antiacidi: la somministrazione di una dose normale di cimetidina (800 mg) o di antiacidi contenenti sali di allumino e magnesio non sono risultati influenzare la biodisponibilità orale di olanzapina.

Diazepam, etanolo: possono potenziare gli effetti dell’olanzapina sull’ipotensione ortostatica.

Farmaci inibitori del CYP1A2 (es. fluvoxamina, ciprofloxacina, cimetidina, amiodarone, fluorochinoloni, interferone, metossalene, mibefradil): poichè inibiscono l’enzima citocromiale CYP1A2 responsabile del metabolismo dell’olanzapina possono aumentare la concentrazione plasmatica dell’antipsicotico (inibizione farmacometabolica). La somministrazione di fluvoxamina (100 mg/die) a pazienti in terapia con olanzapina (10-20 mg/die) è stata associata ad un aumento della concentrazione di olanzapina compresa fra il 12% e il 112% (p < 0,01) (Hiemke et al., 2002). In associazione a fluvoxamina potrebbe essere indicato ridurre la dose di olanzapina.

Farmaci induttori del CYP1A2 (es. carbamazepina, omeprazolo, insulina, modafinil, nafcillina, fumo): poichè inducono l’enzima citocromiale CYP1A2 possono ridurre la concentrazione plasmatica di olanzapina per induzione farmacometabolica. Poichè però l’olanzapina possiede un indice terapeutico ampio, non è detto che l’interazione farmacologica abbia rilevanza clinica. In uno studio di interazione, la somministrazione di una dose terapeutica di olanzapina (10 mg) dopo due settimane di pretrattamento con carbamazepina (200 mg due volte al giorno) in volontari sani ha evidenziato un aumento del metabolismo dell’olanzapina sia di primo passaggio epatico sia sistemico. L’interazione farmacocinetica non è però risultata clinicamente significativa perchè le variazioni della concentrazione plasmatica dell’olanzapina sono rimaste all’interno dell’intervallo terapeutico del farmaco (Lucas et al., 1998).

Farmaci che prolungano l’intervallo QT quali antiaritmici (disopiramide, chinidina, amiodarone, sotalolo), antibiotici (macrolidi, chinolonici), antimicotici (fluconazolo, ketoconazolo), antivirali (nelfinavir), antidepressivi (amitriptilina, clomipramina, imipramina, venlafaxina): in associazione ad olanzapina potrebbero avere un effetto additivo sul prolungamento dell’intervallo QT aumentando il rischio di aritmie cardiache.

Imipramina, warfarin, aminofillina, litio, fluoxetina: non sono state osservate interazioni metaboliche significative tra questi farmaci e olanzapina. La somministrazione di aminofillina (350 mg per infusione endovenosa) in pazienti trattati per 9 giorni con olanzapina non ha evidenziato interazione farmacocinetica e questo ha permesso di escludere un effetto inibitorio di olanzapina sull’enzima citocromiale CYP1A2, responsabile del metabolismo epatico di entrambi i farmaci (Macias et al., 1998). La somministrazione di fluoxetina (dose singola di 60 mg o somministrazione ripetuta di 60 mg/die per una settimana) prima di una dose di olanzapina (5 mg) ha determinato un aumento lieve (18%) del picco di concentrazione plasmatica (Cmax) e una riduzione dello stesso ordine di grandezza (15%) della biodisponibilità orale di olanzapina. Sebbene le variazioni del profilo farmacocinetico dell’olanzapina siano state statisticamente significative, l’impatto a livello clinico è risultato moderato, tale da non modificare il profilo di tollerabilità dell’antipsicotico. Pertanto la co-somministrazione di olanzapina e fluoxetina non richiede un aggiustamento della dose di olanzapina (Gossen et al., 2002).