BrandMemo | manage and share brands you love  Pharmamedix su Facebook  Pharmamedix su Twitter
 Home | News | About us | Comitato scientifico | Iscriviti | Utenti | Etica | Contenuti | Guida | Faq | Stage | Contatti
Logo Pharmamedix
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Potassio

Polase, Gaviscon Advance, Luvion e altri

Avvertenze - Quali informazioni conoscere prima di usare Potassio?


         

Monitoraggio della terapia: il trattamento della deplezione di potassio, in particolare nei pazienti con malattie renali, cardiache o con acidosi, richiede cautela per il mantenimento dell’equilibrio acido-base, il monitoraggio degli elettroliti sierici e dell’attività miocardica (elettrocardiogramma).

Iperpotassiemia: l’iperpotassiemia, o iperkaliemia, può portare ad arresto cardiaco. Prima di somministrare supplementi di potassio escludere patologie che possa ridurre l’escrezione di potassio per evitare di indurre uno stato di iperpotassiemia. Nella maggior parte dei casi il rischio è maggiore con la somministrazione per endovena di sali di potassio, ma sono stati riportati episodi di iperkaliemia anche dopo somministrazione orale. Un’iperpotassiemia potenzialmente fatale può instaurarsi rapidamente e può essere asintomatica.

Insufficienza renale, surrenalica, acidosi diabetica, disidratazione: l’iperkaliemia può peggiorare l’insufficienza renale cronica, l’acidosi diabetica, la deidratazione acuta, l’insufficienza surrenalica, pertanto l’uso dei sali di potassio è controindicato in presenza di tali condizioni.

Acidosi metabolica: il trattamento dell’ipokaliemia in pazienti con acidosi metabolica richiede l’impiego di sali di potassio ad azione alcalinizzante come potassio bicarbonato, citrato, acetato o gluconato.

Cardiopatie: gli effetti elettrofisiologici dei farmaci antiaritmici (es. chinidina) possono essere esaltati da uno stato di iperpotassiemia o depressi dall’ipopotassiemia.

Insufficienza epatica: il potassio acetato deve essere utilizzato con cautela nei pazienti con insufficienza epatica perchè potrebbe verificarsi un’alterata utilizzazione dello ione acetato con conseguente aumento della concentrazione di acetato.

Lesioni gastrointestinali: la somministrazione orale di potassio cloruro è stata associata a comparsa di ulcerazioni gastriche ed intestinali e a sanguinamenti.

Diuretici: nei pazienti in terapia con diuretici per il trattamento dell’ipertensione essenziale deve essere periodicamente controllata la potassiemia. In caso di ipokaliemia, valutare un’eventuale supplementazione con sali di potassio.

Diuretici risparmiatori di potassio: la somministrazione di potassio in associazione a diuretici risparmiatori di potassio (spironolattone, triamterene, amiloride) potrebbe provocare uno stato di iperpotassiemia.

ACE inibitori: gli inibitori dell’enzima convertente l’angiotensina (captopril, enalapril), inibiscono la produzione di aldosterone con conseguente ritenzione di potassio. La somministrazione di sali di potassio in associazione ad ACE-inibitori richiede un attento monitoraggio della concentrazione plasmatica di potassio.

Anziani: l’uso dei sali di potassio negli anziani deve avvenire con cautela essendo in tale categoria di pazienti più frequente una diminuita funzionalità epatica, renale o cardiaca.

Età pediatrica: la sicurezza e l’efficacia dei sali di potassio nei bambini non sono state determinate.

Gravidanza: i sali di potassio devono essere usati in gravidanza solo in caso di effettiva necessità in quanto non sono stati condotti studi sugli effetti di tali farmaci sulla riproduzione animale.

Allattamento: il latte materno contiene normalmente 13 mEq di potassio per litro. Finché la kaliemia non diventa eccessiva, la supplementazione di potassio dovrebbe avere effetti nulli o minimi sui livelli di ione nel latte materno.

Incompatibilità: il potassio acetato e cloruro sono incompatibili con amfotericina B, amikacina, dobutamina.

         


Nota:
Innova et Bella, nell'ambito delle proprie attivita pro bono, ha condiviso con Wikipedia, l'enciclopedia libera, un accordo di licenza gratuita relativa ai contenuti della sezione "Avvertenze" di Pharmamedix.

In particolare I&B autorizza e predispone la pubblicazione dei contenuti di questa sezione "Avvertenze", con licenza GFDL e CC-BY_SA, sulla pagina dell'enciclopedia libera alla Voce "Potassio".