BrandMemo | manage and share brands you love  Pharmamedix su Facebook  Pharmamedix su Twitter
 Home | News | About us | Comitato scientifico | Iscriviti | Utenti | Etica | Contenuti | Guida | Faq | Stage | Contatti
Logo Pharmamedix
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Ramipril

Triatec, Unipril e altri

Tossicità - Qual è la tossicità di Ramipril?


         

Sovradosaggio: in caso di sovradosaggio da ramipril si può manifestare ipotensione. Il trattamento prevede l’infusione di soluzioni fisiologiche saline e/o di angiotensina II.

Cancerogenicità/mutagenicità: negli animali di laboratorio il ramipril non è risultato cancerogeno né mutageno.

Tossicità riproduttiva: Gli ACE-inibitori sono fetotossici e teratogeni (Adv. Drug React. Bull., 1990). L’assunzione di ACE-inibitori al momento del concepimento o durante la gravidanza ha infatti provocato ossificazione del cranio del feto (Mehta, Modi, 1989), ritardo dell’accrescimento fetale, morte fetale o neonatale (Lancet, 1989).
La somministrazione di ACE-inibitori a neonati ha causato insufficienza renale, ipotensione, disturbi neurologici (Perlman, Volpe, 1989).

DL50: dopo somministrazione orale, 10 g/kg (ratto, topo); 1 g/kg (cane).