BrandMemo | manage and share brands you love  Pharmamedix su Facebook  Pharmamedix su Twitter
 Home | News | About us | Comitato scientifico | Iscriviti | Utenti | Etica | Contenuti | Guida | Faq | Stage | Contatti
Logo Pharmamedix
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Quetiapina

Seroquel, Quentiax e altri

Interazioni - Quali sono le interazioni farmacologiche di Quetiapina?


         

Acido valproico: la co-somministrazione di acido valproico sale sodico (valproato di sodio) e quetiapina non è stata associata a interazione farmacocinetica. Dai dati di un studio retrospettivo condotto in pazienti pediatrici, l’associazione dei due farmaci ha comportato un aumento dell’incidenza di neutropenia o leucopenia (riduzione dei globuli bianchi).

Adrenalina (epinefrina), dopamina: l’associazione di adrenalina o dopamina a quetiapina potrebbe favorirne gli effetti ipotensivi. L’adrenalina e la dopamina infatti, provocando beta stimolazione, potrebbe peggiorare il blocco dei recettori adrenergici alfa indotto dalla quetiapina con effetti negativi sul controllo della pressione arteriosa.

Alcool: la co-somministrazione di quetiapina e alcool può indurre depressione del sistema nervoso con comparsa di sonnolenza.

Aloperidolo, risperidone, litio: non sono state osservate interazioni farmacologiche quando questi farmaci sono stati somministrati contemporaneamente a quetiapina.

Bretilio: farmaco antiaritmico in grado di inibire il rilascio di noradrenalina (attività antiadrenergica). In associazione alla quetiapina può potenziarne l’azione di blocco sui recettori di tipo alfa2 della noradrenalina favorendo il rischio di ipotensione.

Cimetidina: il trattamento farmacologico con cimetidina (1200 mg/die per 4 giorni) provoca una riduzione del 20% della clearance della quetiapina.

Farmaci potenti induttori dell’isoenzima CYP3A4 (carbamazepina, fenitoina, rifampicina, barbiturici): possono ridurre i livelli plasmatici della quetiapina per induzione farmacometabolica. La carbamazepina è usato come stabilizzatore dell’umore nei pazienti con disturbo bipolare: l’associazione con quetiapina potrebbe richiede un aggiustamento (incremento) della dose di quest’ultima. La fenitoina somministrata contemporaneamente a quetiapina in pazienti con schizofrenia o disturbo bipolare ha determinato un incremento della clearance della quetiapina di circa 5 volte. L’associazione farmacologica potrebbe richiedere un aggiustamento della dose di quetiapina (Wong et al., 2001).

Farmaci inibitori dell’isoenzima CYP3A4 (inibitori della proteasi, ketoconazolo, fluconazolo, itraconazolo, eritromicina, claritromicina, nefazodone): possono aumentare la concentrazione plasmatica della quetiapina per inibizione farmacometabolica. La co-somministrazione della quetiapina con questi farmaci è controindicata.

Farmaci che prolungano l’intervallo QT quali antiaritmici (disopiramide, chinidina, amiodarone, sotalolo), antibiotici (macrolidi, chinoloni), antivirali (nelfinavir), antidepressivi (amitriptilina, clomipramina, imipramina, venlafaxina), antipsicotici (clozapina, olanzapina): in associazione con quetiapina potrebbe verificarsi prolungamento dell’intervallo QT. L’associazione richiede cautela.

Levodopa, bromocriptina, pergolide, pramipexolo: la quetiapina ne può antagonizzare gli effetti farmacologici.

Lorazepam: la quetiapina ne riduce la clearance del 20%.

Succo di pompelmo: potrebbe inibire il metabolismo epatico della quetiapina per inibizione farmaco metabolica del CYP3A4 con conseguente aumento dei livelli plasmatici dell’antipsicotico. La co-somministrazione non è raccomandata.

Tioridazina: riduce la concentrazione plasmatica della quetiapina incrementandone la clearance orale del 65% (Wong et al., 1997).

Warfarin: la somministrazione di quetiapina a pazienti in terapia con warfarin è stata associata a grave emorragia cerebrale in un paziente con demenza. L’associazione farmacologica richiede cautela nei pazienti a rischio di emorragia cerebrale (Yang, Liang 2011).