BrandMemo | manage and share brands you love  Pharmamedix su Facebook  Pharmamedix su Twitter
 Home | News | About us | Comitato scientifico | Iscriviti | Utenti | Etica | Contenuti | Guida | Faq | Stage | Contatti
Logo Pharmamedix
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Azatioprina

Immunoprin, Azafor e altri

Interazioni - Quali sono le interazioni farmacologiche di Azatioprina?


         

ACE-inibitori: in associazione ad azatioprina aumenta il rischio di mielosoppressione.

Allopurinolo, oxipurinolo e tiopurinolo: possono inibire il metabolismo dell'azatioprina attraverso il blocco dell'enzima xantina-ossidasi. La co-somministrazione di allopurinolo, oxipurinolo e/o tiopurinolo con azatioprina richiede una riduzione del dosaggio dell’azatioprina del 75%. La mancata riduzione della posologia dell'azatioprina in presenza di concomitante terapia con allopurinolo può avere come esito una grave depressione midollare con riduzione di tutte le componenti cellulari del sangue.

Bloccanti neuromuscolari (curaro, d-tubocurarina, pancuronio, succinilcolina): l'azatioprina è stata associata a regressione del blocco neuromuscolare indotto dalla d-tubocurarina e a potenziamento di quello indotto dalla succinilcolina.

Ciclosporina, tacrolimus: aumento del rischio di un'eccessiva immunosoppressione nei pazienti in terapia con azatioprina.

Cimetidina: in associazione ad azatioprina aumenta il rischio di mielosoppressione.

Cotrimoxazolo: dati di letteratura contrastanti segnalano il possibile rischio di gravi anomalie a carico del sangue.

Furosemide: in vitro è risultata ridurre il metabolismo dell'azatioprina. La rilevanza clinica di questa osservazione non è nota.

Indometacina: in associazione ad azatioprina può aumentare il rischio di mielosoppressione.

Infliximab: in pazienti affetti da malattia di crohn, in trattamento con azatioprina, la somministrazione di infliximab è stata associata ad aumenti transitori della concentrazione di 6-tioguanina nucleotide (6-TGN), metabolita attivo dell'azatioprina, e a riduzioni del numero medio di leucociti, che ritornavano ai livelli precedenti dopo 3 mesi.

Mesalazina, olsalazina, sulfasalazina: questi farmaci (derivati aminosalicilici) possono inibire il metabolismo dell’azatioprina, mediato dall’enzima TPMT, con il rischio di aumentarne l’azione mielosoppressiva.

Penicillamina: in associazione ad azatioprina può aumentare il rischio di mielosoppressione.

Ribavirin: l’uso concomitante ribavirin-azatioprina può causare severa pancitopenia (riduzione della conta di tutte le cellule del sangue) ed incrementare il rischio di effetti tossici sul midollo osseo per l’inibizione da parte del ribavirin dell’enzima inosina monofosfato deidrogenasi implicato nel metabolismo dell’azatioprina con conseguente accumulo di metaboliti tossici.

Trimetoprim/sulfametoxazolo (cotrimossazolo): in associazione ad azatioprina aumenta il rischio di mielosoppressione.

Vaccini: l’azatioprina è un farmaco immunosoppressore e pertanto può influenzare la risposta del sistema immunitario in caso di vaccinazione con vaccini vivi attenuati. Nei pazienti in cura con azatioprina, la vaccinazione con vaccini vivi è controindicata.
E’ possibile che si possa verificare una risposta inferiore a quella attesa anche in caso di vaccinazione con vaccini uccisi, evento verificatosi in caso di vaccinazione per l’epatite B in pazienti trattati con azatioprina e corticosteroidi. Dati di letteratura relativi a piccoli numeri di pazienti hanno evidenziato l’assenza di interazione fra azatioprina (somministrata secondo la dose raccomandata) e risposta al vaccino pneumococcico polivalente.

Warfarin: l’azatioprina può inibire l’azione anticoagulante del warfarin.