BrandMemo | manage and share brands you love  Pharmamedix su Facebook  Pharmamedix su Twitter
 Home | News | About us | Comitato scientifico | Iscriviti | Utenti | Etica | Contenuti | Guida | Faq | Stage | Contatti
Logo Pharmamedix
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Furosemide

Lasix, Lasitone e altri

Interazioni - Quali sono le interazioni farmacologiche di Furosemide?


         

Antibiotici aminoglicosidici, amfotericina B, cisplatino: possibile potenziamento degli effetti oto- e nefrotossici.

Acido etacrinico: in associazione a furosemide aumenta il rischio di ototossicità. L'associazione non è raccomandata.

Beta-bloccanti: la furosemide può aumentare i livelli plasmatici e gli effetti beta-bloccanti di propranololo; non sembra interagire con atenololo (Kirch et al., 1981).

Bloccanti neuromuscolari: basse dosi di furosemide potenziano il blocco neuromuscolare indotto da tubocurarina, succinilcolina, mentre dosi elevate (1-4 mg/kg) ne antagonizzano gli effetti (Scappaticci, 1982).

Captopril: possibile peggioramento dell'insufficienza renale, specie in caso di stenosi dell'arteria renale bilaterale (Watson et al., 1982).

Cefalosporine: la furosemide può aumentare la nefrotossicità di cefaloridina e cefalotina.

Ciclosporina: possibile insorgenza di gotta (entrambi i farmaci provocano iperuricemia) (Tiller et al., 1985).

Clofibrato: furosemide e clofibrato possono competere per il legame con le proteine plasmatiche; possono manifestarsi diuresi marcata, dolore e rigidità muscolare.

Cloralio idrato: la somministrazione contemporanea di furosemide e cloralio idrato può provocare instabilità vasomotoria (modificazioni pressorie, flushing del viso, sudorazione). L'associazione farmacologica non è raccomandata.

Corticosteroidi, carbenoxolone, liquirizia (dosi elevate), lassativi: possono indurre perdita eccessiva di ioni potassio e conseguente ipokaliemia.

Digitalici, farmaci che inducono prolungamento dell'intervallo QT: la furosemide può aumentarne la tossicità miocardica per deplezione di ioni potassio e magnesio.

FANS: indometacina, naprossene, ibuprofene possono ridurre la risposta diuretica e l'effetto antipertensivo di furosemide (per inibizione delle prostaglandine a livello renale); l'interazione non sembra manifestarsi dopo somministrazione di sulindac.
La somministrazione di indometacina a pazienti con insufficienza cardiaca congestizia, trattati con furosemide, può provocare il peggioramento dello stato clinico (Allan et al., 1981).

Fenitoina: la fenitoina potrebbe antagonizzare l'effetto diuretico di furosemide (per inibizione dell'assorbimento gastrointestinale).

Litio: la furosemide può aumentare i valori di litiemia (per riduzione dell'escrezione di litio indotta dall'iponatriemia) con conseguente incremento della tossicità sistemica dell'antidepressivo.

Nesiritide: la nesiritide è un peptide natriuretico di tipo B approvato per il trattamento dell'insufficienza cardiaca congestizia scompensata in fase acuta. La co-somministrazione con furosemide in pazienti con insufficienza cardiaca e ridotta funzionalità ventricolare sinistra (in media 34%) non ha evidenziato interazione farmacologica (la velocità di filtrazione glomerulare si è mantenuta inalterata, il volume di urina eliminato è aumentato dopo somministrazione di furosemide e la sopravvivenza a 30 giorni e 12 mesi non ha evidenziato differenze rispetto all'uso o al non uso di furosemide) (Kurien et al., 2006).

Probenecid: il probenecid può ridurre la clearance della furosemide (per competizione con la secrezione tubulare); non è stata osservata riduzione dell'effetto natriuretico della furosemide.

Salicilati: la furosemide ne aumenta la tossicità (la furosemide può aumentare l'esposizione sistemica dei salicilati per riduzione della clearance renale). In associazione ad acido salicilico è stata osservata riduzione transitoria della clearance della creatinina in pazienti con insufficienza renale cronica.

Sucralfato: riduce l'assorbimento della furosemide con conseguente riduzione degli effetti farmacologici. I due farmaci devono essere somministrati a distanza di almeno due ore.

Teofillina: la furosemide può ridurre gli effetti terapeutici della teofillina (Carpentiere et al., 1985).

Warfarin: furosemide e warfarin possono competere per il legame con le proteine plasmatiche.

Incompatibilità: le soluzioni di furosemide per uso parenterale (sale di sodio) sono incompatibili con calcio gluconato, vitamina C, tetracicline, urea, adrenalina.
La soluzione di furosemide precipita se miscelata con soluzione di dobutamina (Hasegawa, Eder, 1984), soluzione glucosata acida, soluzioni acide (vitamina B, vitamina C, adrenalina, noradrenalina), soluzioni di sali di basi organiche (alcaloidi, anestetici locali, antistaminici, sedativi). In particolare la somministrazione parenterale di furosemide è incompatibile con le soluzioni di diltiazem cloruro, dopamina cloruro, labetalolo cloruro, midazolam cloruro, milrinone lattato, nicardipina cloruro, vecuronio bromuro e cisatracurio besilato.