BrandMemo | manage and share brands you love  Pharmamedix su Facebook  Pharmamedix su Twitter
 Home | News | About us | Comitato scientifico | Iscriviti | Utenti | Etica | Contenuti | Guida | Faq | Stage | Contatti
Logo Pharmamedix
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Levotiroxina

Eutirox, Somatoline e altri

Tossicità - Qual è la tossicità di Levotiroxina?


         

Sovradosaggio: in caso di sovradosaggio si manifesta tireotossicosi accompagnata da convulsioni, aritmia cardiaca, insufficienza cardiaca, coma e morte. Il trattamento prevede: lavanda gastrica o induzione dell’emesi per ridurre l’assorbimento gastrointestinale della levotiroxina; trattamento sintomatico di supporto. Sono stati utilizzati propranololo in associazione a idrocortisone oppure propiltiouracile; plasmaferesi ed emoperfusione con carbone attivo per favorire l’eliminazione sistemica di levotiroxina (Binimelis et al., 1987).
I sintomi provocati dall’intossicazione possono manifestarsi con ritardo anche di alcuni giorni, data la necessaria conversione a livello periferico della tiroxina a triiodotironina. In caso di ipertiroidismo cronico aumenta il rischio di osteoporosi, per riduzione della densità ossea e/o aumento della mineralizzazione (Greenspan et al., 1991).

Test preclinici: gli studi di tossicità condotti non hanno evidenziato effetti a livello di carcinogenesi, mutagenesi ed alterazioni della fertilità correlati all’uso di levotiroxina.

Tossicità riproduttiva: la levotiroxina si trova in classe A di rischio teratogeno (farmaci per i quali studi controllati nell’uomo non hanno dimostrato un rischio per il feto nel primo trimestre e non c'è evidenza di rischio nella seconda parte della gravidanza, e la possibilità di danno fetale sembra remota).
Studi in donne in terapia con levotiroxina non hanno evidenziato un aumentato rischio di malformazioni congenite rispetto alla popolazione in generale.
La terapia con levotiroxina non deve essere interrotta durante la gravidanza. In caso di diagnosi di ipotiroidismo nel corso della gravidanza, iniziare il trattamento con ormoni tiroidei il prima possibile per ridurre il rischio di aborto spontaneo, pre-eclampsia, parti prematuri e nati morti (l’ipotiroidismo aumenta il tasso di queste complicanze). L’ipotiroidismo materno può avere effetti negativi sulla crescita e lo sviluppo del feto e del bambino.