BrandMemo | manage and share brands you love  Pharmamedix su Facebook  Pharmamedix su Twitter
 Home | News | About us | Comitato scientifico | Iscriviti | Utenti | Etica | Contenuti | Guida | Faq | Stage | Contatti
Logo Pharmamedix
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Resveratrolo

Tossicità - Qual è la tossicità di Resveratrolo?


         

Sovradosaggio: non ci sono dati in letteratura relativi a sovradosaggio di resveratrolo nell’uomo.

Tossicità cronica: la somministrazione cronica (18-24 mesi) in vivo (ratto, topo) di resveratrolo a dosi inferiori a 1 kg/die non è stata associata a tossicità, così come anche la somministrazione di 20 mg/kg/die per 28 giorni (Baur et al., 2006; Juan et al., 2002). La somministrazione di resveratrolo a dosi comprese fra 300 e 3000 mg/kg/die per 28 giorni è stata associata a tossicità renale ed epatica (ratto) (Hebbar et al., 2005; Crowell et al., 2004).

Genotossicità: il resveratrolo ha dato esiti negativi al test biologico di Ames (Elliott et al., 2009; Williams et al., 2009). Test invece su cellule di mammifero hanno evidenziato effetti genotossici del resveratrolo (alterazioni cromosomiche e formazione di micronuclei) (Schmitt et al., 2002). In vivo il resveratrolo non ha evidenziato effetti genotossici. Nello studio di oncogenicità condotto con modelli murini (topo) (studio validato dalle agenzie regolatorie, inclusa quella statunitense Food and Drug Administration, per la valutazione del potenziale oncogenico di una sostanza) il resveratrolo alla massima dose tollerata non ha evidenziato cancerogenicità (Horn et al., 2007).

Tossicità riproduttiva: la somministrazione del resveratrolo durante l’organogenesi non è stata associata a effetti embriofetotossici o teratogeni. Il NOAEL (no observed adverse effect level), parametro usato in tossicologia per indicare la dose a cui non sono osservabili effetti tossici, è stato stimato pari a 750 mg/kg/die per quanto riguarda tossicità materna ed embrio-fetale del resveratrolo negli animali (Williams et al., 2009).
In gravidanza, nella donna, la sicurezza del resveratrolo non è stata valutata pertanto il suo utilizzo è controindicato.